Mafiashire : L’italia verosimile delle libertà immaginarie ……

5 Marzo 2009 Commenti chiusi

Metternich disse che l’Italia era una
espressione geografica. Sbagliava.
L’Italia non è un’espressione e non è
neppure geografica. E’ un’esperimento
genetico sbagliato, mostruoso, di fine
’800. E’ stato innestato il Dna degli
abitanti della penisola con mafia,
massoneria, seviz segretii, lobby, partiti,
Ndrangheta, Sacra Corona Unita,
Camorra con una spolverata di Vaticano
alla Marcinkus. Insieme ai Cefis, Craxi,
Andreotti, Lima, Ciancimino, Dell’Utri,
Cuffaro, Gelli e Carnevale. I nostri padri
della Patria. Cosa poteva uscirne se non
un italiano con l’espressione di Rutelli e
la cultura dello psiconano? Buzzurro, ma
anche mafioso. Buono a nulla, ma
capace di tutto. A Sarkozy la Bruni
l’abbiamo data noi, lui per il disturbo ci fa
pagare decine di miliardi di euro per
quattro centrali nucleari. Frankestein in
confronto all’italiano medio era un
modello del cinema. Per non farci
riconoscere cambiamo il nome al Paese.
Potremmo chiamarlo Pizzaland,
Strascoscia Country o Mafiashire.

Prosegui la lettura…

Con i tuoi occhi

12 Settembre 2008 1 commento

CHI SOS OCROS TUOS

Prosegui la lettura…

Riders on the storm

12 Maggio 2008 Commenti chiusi

Alcuni dicono che la pioggia è brutta, ma non sanno che permette di girare a testa
alta con il viso coperto dalle lacrime 

Prosegui la lettura…

via della croce

21 Marzo 2008 1 commento

Poterti smembrare coi denti e le mani,
sapere i tuoi occhi bevuti dai cani,
di morire in croce puoi essere grato
a un brav’uomo di nome Pilato."

Ben più della morte che oggi ti vuole,
t’uccide il veleno di queste parole:
le voci dei padri di quei neonati,
da Erode per te trucidati.

Nel lugubre scherno degli abiti nuovi
misurano a gocce il dolore che provi;
trent’anni hanno atteso col fegato in mano,
i rantoli d’un ciarlatano.

Si muovono curve le vedove in testa,
per loro non è un pomeriggio di festa;
si serran le vesti sugli occhi e sul cuore
ma filtra dai veli il dolore:

fedeli umiliate da un credo inumano
che le volle schiave già prima di Abramo,
con riconoscenza ora soffron la pena
di chi perdonò a Maddalena,

di chi con un gesto soltanto fraterno
una nuova indulgenza insegnò al Padreterno,
e guardano in alto, trafitti dal sole,
gli spasimi d’un redentore.

Confusi alla folla ti seguono muti,
sgomenti al pensiero che tu li saluti:
"A redimere il mondo" gli serve pensare,
il tuo sangue può certo bastare.

La semineranno per mare e per terra
tra boschi e città la tua buona novella,
ma questo domani, con fede migliore,
stasera è più forte il terrore.

Nessuno di loro ti grida un addio
per esser scoperto cugino di Dio:
gli apostoli han chiuso le gole alla voce,
fratello che sanguini in croce.

Han volti distesi, già inclini al perdono,
ormai che han veduto il tuo sangue di uomo
fregiarti le membra di rivoli viola,
incapace di nuocere ancora.

Il potere vestito d’umana sembianza,
ormai ti considera morto abbastanza
e già volge lo sguardo a spiar le intenzioni
degli umili, degli straccioni.

Ma gli occhi dei poveri piangono altrove,
non sono venuti a esibire un dolore
che alla via della croce ha proibito l’ingresso
a chi ti ama come se stesso.

Sono pallidi al volto, scavati al torace,
non hanno la faccia di chi si compiace
dei gesti che ormai ti propone il dolore,
eppure hanno un posto d’onore.

Non hanno negli occhi scintille di pena.
Non sono stupiti a vederti la schiena
piegata dal legno che a stento trascini,
eppure ti stanno vicini.

Perdonali se non ti lasciano solo,
se sanno morir sulla croce anche loro,
a piangerli sotto non han che le madri,
in fondo, son solo due ladri.

Prosegui la lettura…

la disobbedienza

21 Marzo 2008 Commenti chiusi

"La disobbedienza civile è un diritto innato dei cittadini. Non possiamo rinunciarvi senza cessare di essere uomini. La disobbedienza civile non è mai seguita dall’anarchia, come nel caso della disobbedienza criminale. Non c’è Stato che non reprima la disobbedienza criminale con la forza. Se non lo fa,muore. Ma reprimere la disobbedienza civile è tentare di imprigionare la coscienza. La disobbedienza civile può donare solo forza e purezza.  Un resistete civile non usa mai le armi e quindi è innocuo per uno Stato che non sia pienamente disposto ad ascoltare la voce della pubblica opinione. Ma è pericoloso per uno stato autocratico, perché ne produce la caduta, impegnando l’opinione pubblica sulla questione per la quale si oppone allo Stato. La disobbedienza civile, perciò, diventa un sacro dovere quando lo Stato si sia fatto illegale o, che è la stessa cosa, corrotto. Un cittadino che tratti con uno Stato simile ne condivide la corruzione o l’illegalità." (***Gandhi***)

Prosegui la lettura…

Sempre Meglio

4 Marzo 2008 3 commenti

Metal made in Italy 

Prosegui la lettura…

EMIGRAZIONE VIRTUALE

14 Luglio 2007 3 commenti

NON MI PIACE QUESTA NUOVA PIATTAFORMA

Prosegui la lettura…

The Small Hours

12 Luglio 2007 Commenti chiusi

Attendi l’oscurità,
E vedrai,
Chiamami e io ci sarò.

Non puoi toccarmi,
Non oseresti,
Sono il freddo che c’è nell’aria.

Ritornello
E cerco di passare attraverso di te,
nella mia speciale maniera,
Come le barriere si sgretolano,
Alla fine del giorno.

Fiumi scuri scorrono,
Indietro nel passato,
Tu sei il pesce per cui mi getto.

E cosa del futuro,
Cosa c’è,
Come i fiumi fluiscono nel mare.

Ritornello

Non pensare che siano garantiti,
Poterei fuori di qui,
Non andare nella tana del diavolo.

Il tempo è un’illusione,
Nasciamo dal tempo,
Ripida è la montagna che scaliamo

Prosegui la lettura…

la dolce vita italiana ………………………………… V – DAY

15 Giugno 2007 Commenti chiusi


-Sull’Espresso di qualche settimana fa, un articoletto spiega che, recentemente, il Parlamento ha votato all’UNANIMITA’ e senza astenuti (ma che strano!?) un aumento di stipendio per i parlamentari, di circa euro 1.135 al mese.Inoltre, la mozione é stata camuffata in modo tale da non risultare nei verbali ufficiali.
STIPENDIO: Euro 19.150;STIPENDIO BASE:Euro 9.980
PORTABORSE:euro 4.030(generalmente parenti o familiari!);RIMBORSO SPESE AFFITTO:2.900; INDENNITA? DI CARICA:tra Euro 335 ed Euro 6.455
TUTTO ESENTASSE!!!!
Poi,hanno:cellulare,Metro,auto,viaggi,cinema,
barbiere,aereo,autostrade,piscine,palestre,aerei di Stato,cliniche,assicurazioni sugli infortuni,assicurazioni per decesso,ambasciate,auto blu con autista e ristoranti tutti G-R-A-T-I-S!!! (nel 1999 hanno mangiato e bevuto gratis per Euro 1.472.000!!!)
Hanno diritto alla pensione dopo 35 mesi in Parlamento,mentre obbligano i cittadini a 35 anni di contributi (per ora!!!).Circa 103.000 Euro li incassano con il rimborso spese elettorali (in violazione alla legge sul finanziamento ai partiti), più i privilegi per coloro che sono stati Presidenti della Repubblica, del Senato o della Camera (es: la sig.ra Pivetti ha ANCORA a disposizione e gratis un ufficio, una segretaria, l’auto blu ed una scorta sempre al suo servizio). La classe politica ha causato al paese un danno di 1 MILIARDO e 255 MILIONI di EURO. La sola Camera dei Deputati costa al cittadino Euro 2.215 al MINUTO!!!
Fate circolare questo scandalo!!! Si sta promuovendo un referendum per l’abolizione dei privilegi di tutti i parlamentari. FOMENTATE LA PROPOSTA!!!Queste informazioni possono essere lette solo attraverso Internet in quanto quasi tutti i mass media rifiutano di portarle a conoscenza degli italiani!!!
MANDIAMOLI A CASA ‘STI LADRONI!!!
W L’ITALIA, QUELLA VERA E DEGLI ITALIANI!!!
FANCULO L’ONORE…E L’OMERTA’!!!!!!!!!!!

Canzone di maggio

29 Maggio 2007 4 commenti


Anche se il nostro maggio
ha fatto a meno del vostro coraggio
se la paura di guardare
vi ha fatto chinare il mento
se il fuoco ha risparmiato
le vostre Millecento
anche se voi vi credete assolti
siete lo stesso coinvolti.

E se vi siete detti
non sta succedendo niente,
le fabbriche riapriranno,
arresteranno qualche studente
convinti che fosse un gioco
a cui avremmo giocato poco
provate pure a credervi assolti
siete lo stesso coinvolti.

Anche se avete chiuso
le vostre porte sul nostro muso
la notte che le “pantere”
ci mordevano il sedere
lasciandoci in buonafede
massacrare sui marciapiedi
anche se ora ve ne fregate,
voi quella notte voi c’eravate.

E se nei vostri quartieri
tutto è rimasto come ieri,
senza le barricate
senza feriti, senza granate,
se avete preso per buone
le “verità” della televisione
anche se allora vi siete assolti
siete lo stesso coinvolti.

E se credete ora
che tutto sia come prima
perché avete votato ancora
la sicurezza, la disciplina,
convinti di allontanare
la paura di cambiare
verremo ancora alle vostre porte
e grideremo ancora più forte
per quanto voi vi crediate assolti
siete per sempre coinvolti,
per quanto voi vi crediate assolti
siete per sempre coinvolti.

in ricordo di un grande cantante e poeta italiano che si chiamava Fabrizio De Andrè che ancora vive nelle sue canzoni